LA SALUTE DEI CAPILLARI LINFATICI

Descrivere in poche e semplici parole questi aspetti è molto difficile data la difficoltà di studiare a fondo i vasi linfatici: possiamo ben dire che il sistema linfatico è ancora oggi poco conosciuto ma è di vitale importanza per la salute e la vita stessa. I vasi linfatici infatti hanno la funzione di riportare in circolo il liquido e le proteine "filtrate" dai capillari sanguigni, di trasferire i grassi assorbiti a livello intestinale (intestino tenue) nella circolazione sistemica e di catturare e distruggere agenti patogeni estranei all'organismo, producendo e trasformando le cellule specifiche deputate alla loro neutralizzazione.
In linea generale e riassumendo possiamo dire che la salute dei linfatici si basa sulla conservazione della "integrità" delle loro strutture, nel senso che ogni condizione patologica capace di alterare questa integrità porta alla malattia dei linfatici e quindi alla loro disfunzione.

Si conoscono numerose malformazioni genetiche che sono in grado di alterare questa integrità dei vasi linfatici, ed anche molte altre malattie che addirittura ne impediscono la formazione fin dalle primissime fasi dello sviluppo del feto. Poichè i vasi linfatici hanno il compito di far scorrere perennemente la linfa per tutta la durata della vita, anche i cambiamenti della costituzione della linfa stessa possono far ammalare i linfatici che la contengono e la veicolano. Anche le infiammazioni croniche possono far ammalare i linfatici, ingrossando i "linfonodi" e rendendoli "visibili" in diverse parti del corpo. Esistono poi numerose malattie acute e croniche che coinvolgono i linfatici, come ad esempio il linfedema, il flebolinfedema, i tumori, e molte altre ancora.

Il sistema linfatico "sano" è costituito da un vastissimo ed articolato sistema di vasi piccoli e più grandi, molto simile a quello venoso ed arterioso. A differenza del sangue, che circola grazie alla azione di pompa del cuore, il sistema linfatico funziona grazie alla pompa muscolare: contraendosi e rilasciandosi, i muscoli "spingono" la linfa sia per azione diretta che indiretta: queste azioni si basano su complicatissime regole idrauliche e fisiche oltre che chimiche. Quando tale azione di pompa muscolare viene meno, come in caso di eccessiva immobilità o paralisi, la linfa tende a ristagnare accumulandosi di conseguenza nei tessuti, provocando il linfedema: ciò ad esempio è tipico in caso di ingessatura di un arto o quando si sta a lungo in piedi in una posizione "ferma". I vasi linfatici di maggiori dimensioni sono caratterizzati dal susseguirsi di restringimenti e dilatazioni cui si associano vere e proprie "valvole" che funzionano allo stesso modo di quelle venose: impediscono il "reflusso" della linfa. Ogni condizione patologica capace di far ammalare queste valvole causa stasi linfatica, che a sua volta causa modificazioni severe della composizione stessa della linfa che a sua volta causa un aggravamento della salute del linfatico.

Indipendentemente dalle condizioni patologiche citate, per mantenere in salute il sistema linfatico è ovviamente molto importante svolgere regolare attività fisica per mantenere una buona attività della pompa muscolare.
Oggi sappiamo anche che un corretto regime alimentare associato alla attività motoria è in grado di mantenere "sano" il sistema linfatico: in questo caso infatti le difese immunitarie rendono massima la loro efficacia impedendo in tal modo un sovraccarico funzionale del sistema linfatico. Anche un corretto peso corporeo aiuta molto a mantenere un buon sistema linfatico. Ancora, per mantenere una buona funzionalità del linfatico, molti specialisti consigliano di eseguire periodicamente un "massaggio drenante" che aiuterebbe il flusso della linfa. Altri specialisti consigliano una "purificazione" del sistema linfatico a base di erbe per una durata di 7-10 giorni: per questi ultimi aspetti, tuttavia va subito detto che ad oggi non esistono prove scientifiche a sostegno di tali proposte terapeutiche. Oggi possiamo ben dire che se il sistema linfatico funziona bene anche il sistema sanguigno funziona altrettanto bene, e viceversa: la strettissima correlazione tra il sistema circolatorio linfatico ed il sistema circolatorio sanguigno fa sì che se si ammala uno dei due anche l'altro si ammali in brevissimo tempo, aggravando quindi il quadro generale e la stessa malattia.

L' Esperto risponde

Conoscere e approfondire le tematiche e problematiche più frequenti attraverso le domande dei pazienti e le risposte dell'angiologo 
Scopri di più ...

Dispense della salute

Un approfondimento messo a disposizione dall'esperto per affrontare in maniera seria e competente il mondo del microcircolo
Scopri di più ...

Centri di Studio

Policlinico di Monza |  039.2810617
San Babila Clinic Milano | 02.84143218
CDC Como |  031.262136
C.A.B. Barzanò | 039.9210202
Meditel Saronno | 02.962821
Dermolaser Clinic Vimercate |  0395966720

Copyright © 2016 Francesco Albergati - P.I. 02367700164 | Vietata qualsiasi riproduzione